Come eseguire il backup del tuo sito WordPress

Se hai mai riscontrato problemi con un sito web danneggiato, sai quanto può essere devastante provare a recuperare o ricreare se non hai una copia da cui ripristinare. Può costare ore, giorni o addirittura mesi di tempi di inattività; portando a una perdita di entrate, aumento delle spese e stress emotivo per te e per chiunque faccia affidamento sul tuo sito. Essere in grado di ripristinare i file e il database, se qualcosa va storto, può prevenire questo tipo di spiacevole situazione. Ecco perché fare dei backup del tuo sito WordPress, con uno strumento come Jetpack Backup, è assolutamente fondamentale. 

In questo articolo ti mostreremo come muoverti:

  • Che cos’è un backup di WordPress?
  • Perché hai bisogno di un backup del tuo sito?
  • Metodi per creare un backup di WordPress
    • Backup automatici dal tuo fornitore di hosting web
    • Backup manuali
    • Backup usando plugin
  • Quale metodo di backup manuale è il migliore?
  • Con quale frequenza devo eseguire il backup del mio sito WordPress?
  • Dove devo archiviare i miei backup di WordPress?
  • Come faccio a sapere che non ho perso nessun file durante l’esecuzione di un backup manuale del mio sito WordPress?
  • Cosa rende il backup di WordPress con un plugin migliore del manuale?
  • Quanti backup devo conservare?

Che cos’è un backup di WordPress?

Un backup di WordPress è una copia completa di tutto ciò che fa parte del tuo sito. Può essere utilizzato per ripristinare il tuo sito web a uno stato precedente se viene corrotto o danneggiato e per migrare da un fornitore di hosting a un altro. Il tuo backup dovrebbe includere:

  • File di base di WordPress. Questi comprendono tutti i file inclusi quando viene installato WordPress sul tuo server. Le cartelle principali includono wp-admin, wp-content e wp-includes e un numero di file nella cartella root del server come wp-config.php, .htaccess, user.ini oppure php.ini e index.php.
  • Il tuo database. Il database è un sistema di tabelle, colonne, relazioni e autorizzazioni che memorizza informazioni dinamiche e ricercabili visualizzate sul tuo sito web. Alcune delle informazioni memorizzate includono i dati dell’account utente, il contenuto della pagina e dell’articolo, gli ordini dei clienti, le voci dei moduli e di altri input dell’utente e i dati generati dai plugin.
  • File del tema. WordPress utilizza i file dei temi per creare il layout e l’estetica di un sito web. Un tema può anche avere componenti che ne influenzano la funzionalità. 
  • Plugin. Pensa ai plugin come alle app che installi sul tuo sito WordPress per fornire funzioni aggiuntive oltre a quelle fornite dai file di base di WordPress o dal tuo tema. I plugin contengono specifiche funzioni programmate che possono aggiungere nuove funzionalità al tuo sito ed estenderne le capacità senza alcun codice aggiuntivo. 
  • File aggiornati. Immagini, video, documenti e altri file che tu o altri utenti del sito avete caricato nella libreria multimediale di WordPress o nella cartella wp-content.

È fondamentale che tutti questi elementi siano inclusi in ogni backup che crei in modo che il tuo sito web possa essere ripristinato correttamente se qualcosa va storto.

Perché hai bisogno di un backup del tuo sito?

Il motivo principale per cui devi conservare i backup del tuo sito WordPress è prevenire la perdita di dati. Che tu stia gestendo un complesso negozio di eCommerce o tenendo una semplice pagina di destinazione, non vuoi perdere il lavoro che hai svolto e dover ricominciare da capo se viene riscontrato un problema serio sul tuo sito. 

Ti consigliamo di ripristinare il tuo sito WordPress da un backup se:

1. Il tuo sito web è stato violato

Se il tuo sito web viene violato, ti consigliamo di ripristinare il tuo sito a una versione precedente al momento in cui è stato compromesso. Non dimenticare di modificare tutte le password e assicurati di aver installato un plugin di sicurezza di WordPress per prevenire futuri attacchi.

2. Un plugin, un tema o un aggiornamento di base di WordPress ha causato un problema sul tuo sito

Quando aggiorni alla versione più recente di un plugin, un tema o un file di base di WordPress, potresti di tanto in tanto riscontrare errori fatali spaventosi. Questi errori potrebbero portare alla temuta schermata bianca di arresto, ma a volte potresti riscontrare problemi meno evidenti. Il sito potrebbe continuare a caricare, ma mostrare uno script di errore fatale che viene visualizzato sul front-end o sul back-end. In alternativa, potresti riscontrare subdoli problemi di funzionalità che potrebbero richiedere più tempo per essere scoperti. 

Eseguendo il ripristino da un backup, puoi ripristinare il tuo sito alla versione funzionante più recente. Puoi anche usarlo per creare un sito di gestione temporanea in modo che tu, un autore di plugin o temi, il tuo fornitore di hosting o un altro sviluppatore possiate risolvere il problema. Se la tua società di fornitura hosting offre un’opzione di gestione temporanea con un clic, questa renderà il processo molto più semplice.

3. Hai aggiunto al tuo sito un plugin dannoso o mal codificato

Sono disponibili migliaia di plugin per WordPress e può essere difficile sapere se quello che stai installando è ben costruito o addirittura legittimo. L’uso di plugin da fonti affidabili come WordPress.org e marketplace online a pagamento ampiamente utilizzati ti impedirà almeno di installare plugin che contengono malware. Perché? Poiché esistono processi di revisione, i plugin devono essere sottoposti a verifica prima di essere approvati e resi disponibili al pubblico. Tuttavia, plugin codificati in modo errato possono comunque superare il processo di revisione e l’installazione sul tuo sito può causare gravi danni. 

Nel caso in cui non sia possibile risolvere il problema semplicemente disinstallando il plugin incriminato, dovrai essere in grado di ripristinare il tuo sito.

4. Il tuo fornitore di hosting ha commesso un errore

Se il tuo fornitore di hosting ha eliminato accidentalmente una directory importante o ha apportato altre modifiche problematiche al tuo server, il tuo sito potrebbe non funzionare o riscontrare problemi di funzionalità. Dovrai ripristinare il tuo sito da un backup eseguito prima che il tuo fornitore di hosting causasse il problema. 

5. Stai migrando il tuo sito da un fornitore di hosting a un altro o stai modificando il tuo nome di dominio

Se hai bisogno di cambiare fornitore di hosting o hai deciso di modificare il tuo nome di dominio, ti consigliamo di eseguire un backup del tuo sito. Possono succedere molte cose durante il processo di migrazione o quando apporti modifiche all’URL principale del tuo sito web, quindi assicurati di disporre di un backup prima di avviare entrambi i processi. 

6. Stai apportando importanti modifiche al design del tuo sito o implementando un nuovo tema

Sebbene sia meglio apportare grandi modifiche al design o passare da un tema a un altro su un sito di gestione temporanea anziché sul tuo sito live, dovrai tenere un backup in entrambi i casi. Il tuo ambiente di gestione temporanea potrebbe essere diverso dal tuo ambiente live, quindi il tuo sito di gestione temporanea potrebbe funzionare bene, ma potresti riscontrare problemi con il tuo sito live. La possibilità di tornare a una versione precedente ridurrà i tempi di inattività o i problemi che i visitatori potrebbero riscontrare durante la risoluzione del problema.

7. Hai commesso un errore apportando modifiche al tuo sito

Diciamo che vuoi lavorare sulla velocità della pagina del tuo sito web e decidere di rimuovere le immagini inutilizzate che occupano spazio sul tuo server. Sia che tu lo faccia manualmente, sia che tu usi un plugin, corri il rischio di eliminare accidentalmente immagini importanti dal tuo sito web. Esegui il backup del tuo sito prima di iniziare a eliminare qualsiasi cosa in modo da non perdere per sempre immagini e altri file potenzialmente critici. 

8. Cancelli regolarmente determinati dati per risparmiare spazio

Se gestisci un sito che ha molti utenti, potresti trovarti a dover eliminare periodicamente alcuni dati per evitare che rallenti. Negozi di eCommerce, forum e siti web in cui gli utenti possono inviare i propri articoli o gli elementi multimediali possono diventare rapidamente grandi e ingombranti. Puoi eliminare utenti o clienti inattivi, vecchi ordini o altre informazioni per mantenere ottimizzate le prestazioni del tuo sito. 

A un tratto, tuttavia, potrebbe essere necessario recuperare le informazioni eliminate. Può darsi che un cliente voglia ordinare di nuovo un prodotto e non riesca a ricordare quale taglia o colore ha acquistato. Se hai eliminato quell’ordine, potresti dover cercare in un backup del tuo database per trovare tali informazioni. O forse un membro del forum inattivo vuole accedere alla sua cronologia dei commenti, ma hai eliminato il suo account. Essere in grado di recuperare tali informazioni da un backup ti consentirà di ripristinarle per l’utente.

Metodi per creare un backup di WordPress

1. Backup automatici tramite il tuo fornitore di servizi di hosting

Molte società di fornitura di hosting offrono piani di backup del sito giornalieri per i propri clienti, spesso inclusi gratuitamente con il servizio di hosting. Suona come un ottimo affare, giusto? Non necessariamente. 

Ecco quattro buoni motivi per non fare affidamento sul tuo fornitore di hosting per i backup di WordPress:

  • Ha finestre di archivio piccole e non flessibili. La maggior parte dei fornitori di hosting web conserva i tuoi backup per 15-30 giorni senza opzioni per l’estensione del periodo di archiviazione. 
  • Se il tuo fornitore di hosting è inattivo, i tuoi backup sono inaccessibili. Se il tuo fornitore del servizio di hosting riscontra un’interruzione, il tuo server è inattivo o, peggio ancora, fallisce improvvisamente, potresti perdere l’accesso a tutti i tuoi backup. 
  • Tecnicamente, i backup non sono loro responsabilità. Assicurati di leggere le scritte in piccolo nell’accordo in materia di servizi. Molti fornitori di hosting includono dichiarazioni di non responsabilità in cui si afferma che si faranno tutti gli sforzi necessari in buona fede per eseguire regolarmente il backup dei dati, ma che questi backup sono destinati esclusivamente all’uso interno. Non possono garantire che un determinato backup sarà disponibile su richiesta o che i backup ripristinati funzioneranno correttamente. La maggior parte dei termini dei fornitori di hosting affermano esplicitamente che, in definitiva, è tua responsabilità eseguire il backup del tuo sito.
  • Se il tuo sito è compromesso, potrebbero esserlo anche i tuoi backup. Se qualcuno viola il tuo sito, potrebbe anche accedere al tuo server. Se i tuoi backup sono archiviati lì, potrebbero anche essere compromessi.

Quando ti iscrivi al tuo servizio di hosting, accetti questi termini. Anche se il tuo fornitore di hosting web può offrire ottimi servizi di backup e ripristino, altri potrebbero non farlo, quindi in un modo o nell’altro non dovresti fare affidamento esclusivamente sul tuo fornitore di hosting per i backup di WordPress.

2. Backup manuali di WordPress 

I siti WordPress vengono creati usando un database, file di base di WordPress, temi, plugin e qualsiasi altro file che scegli di caricare. Non solo dovrai eseguire il backup di tutti i file relativi a WordPress, ma dovrai farlo anche del database. Tra i modi più comuni di eseguire i backup di questi componenti del tuo sito trovi:

logo cpanel arancione

Backup del tuo sito con cPanel

cPanel è un’interfaccia utente grafica (GUI) ampiamente utilizzata che semplifica la gestione del server. Da cPanel puoi configurare siti web, gestire la struttura dei file, modificare le impostazioni del dominio, creare backup del tuo sito e altro ancora.

1. Accedi all’account del tuo fornitore di hosting e quindi apri cPanel

Se non sei sicuro di come trovare cPanel nell’account del fornitore di hosting, puoi contattarlo o cercare aiuto nella knowledge base.

2. Crea un backup del tuo sito

Nella sezione File, fai clic sul link in Gestione backup.

menu cpanel con Gestione backup evidenziato

In Gestione backup, fai clic su Backup cPanel. Se desideri una versione guidata, puoi utilizzare la procedura guidata per il backup di cPanel

opzioni di gestione backup in cpanel

Nella schermata Backup cPanel, in Backup completo, fai clic su “Scarica o genera un backup completo del sito web”. 

Pulsante Backup completo in cpanel

Se desideri scaricare i file e il database separatamente, puoi scegliere tra queste opzioni in “Backup parziali”. Se stai scaricando il database separatamente, assicurati di selezionare quello corretto dal campo Database

opzioni di backup del database in cpanel

Dopo aver selezionato l’opzione di download che preferisci, verrai indirizzato a una schermata che ti informa che il backup è in corso. Puoi andare avanti e fare clic sul link Torna indietro per accedere ai download disponibili.

avviso di esecuzione del backup completo in corso

I backup verranno elencati con un piccolo segno di spunta blu accanto nella pagina Backup disponibili per il download. Fai clic sul backup per scaricarlo sul tuo computer e sei pronto.

elenco dei backup disponibili

Non tutti i fornitori di hosting web offrono l’accesso a cPanel per i propri clienti, quindi eseguire un backup con questa modalità potrebbe non essere l’opzione adatta a te. Ad esempio, i fornitori di hosting WordPress gestito non usano cPanel. 

Se stai usando un fornitore di hosting WordPress gestito e desideri accedere alla directory dei file del tuo sito per eseguire un backup, dovrai utilizzare il Secure File Transfer Protocol (SFTP), il protocollo Secure Shell (SSH) o un plugin che garantisce l’accesso basato su cartelle ai file del tuo sito. Sebbene il tuo portale WordPress gestito non includa una struttura di file simile a cPanel, dovrebbe includere un link a phpMyAdmin per l’accesso al database. 

Backup dei file usando FTP/SFTP

Puoi eseguire manualmente il backup dei file del tuo sito WordPress usando un client File Transfer Protocol (FTP). Un client FTP è un programma che collega il tuo computer al server del tuo sito web in modo da poter caricare, scaricare e gestire file. Esistono diversi client FTP disponibili gratuitamente, come FileZilla, CyberDuck e ClassicFTP. Una rapida ricerca su Google per “client FTP gratuito” dovrebbe aiutarti a trovare quello giusto per te. 

Per questa procedura passo passo, useremo FileZilla:

1. Trova le tue credenziali FTP nel pannello di controllo del fornitore di hosting. 

La posizione delle tue credenziali FTP può variare da sito a sito, quindi se hai problemi a trovarle, contatta il tuo fornitore di hosting per chiedere aiuto. Avrai bisogno delle seguenti informazioni:

Indirizzo del fornitore di hosting. Di solito è l’indirizzo IP del server o potrebbe essere un URL.

Nome utente. Questo è il tuo nome utente dell’FTP. È specifico per la tua connessione FTP e non dovrebbe essere uguale al nome utente del tuo account del tuo fornitore di hosting. 

Password. Ti potrebbe essere chiesto di generare una nuova password per l’FTP quando tenti di accedere con le tue credenziali. Se fosse questo il caso, ti consigliamo di annotare questa password da qualche parte. Alcuni fornitori di hosting non salvano le password dell’FTP sul tuo account, quindi se provi a recuperarle in un secondo momento, ti verrà chiesto di generarne una nuova. Questo può diventare fastidioso se hai impostazioni FTP per un sito web salvato su più installazioni del tuo client FTP: laptop, desktop, laptop di un collega, ecc.

Numero della porta. Ti consigliamo di connetterti al tuo server tramite SFTP (sicuro) rispetto all’FTP (non sicuro). Le porte SFTP sono generalmente 22 o 2222. Se le credenziali del tuo account non menzionano il numero di porta, puoi sempre controllare la documentazione presente nella guida del fornitore di hosting per queste informazioni.

2. Accedi al tuo client FTP utilizzando le credenziali sopra menzionate e fai clic su Connessione rapida.
Connessione rapida in FileZilla
3. Seleziona una cartella in cui salvare il backup

Nel lato sinistro della schermata verranno mostrati i file sul tuo computer. Nel lato destro della schermata verranno mostrati i file sul server del tuo fornitore di hosting web. Naviga fino alla cartella sul tuo computer in cui desideri salvare il backup e fai clic su di essa. Vedrai il suo contenuto nella finestra in basso a sinistra. 

Cartella di backup selezionata da un desktop

Facoltativamente, puoi fare clic con il tasto destro per creare una nuova directory.

opzione "crea directory" in un menu a discesa

Se stai creando una nuova directory, inserisci il nome e fai clic su OK.

popup per creare una directory

La nuova cartella chiamata Backup sarà visibile in basso a sinistra della finestra. Fai doppio clic sulla cartella per aprirla.

Cartella dei backup evidenziata in blu.
4. Naviga nella directory root del sito nel lato destro della schermata

È chiamata di solito html o public_html. Potrebbe avere un altro nome, in base al fornitore di hosting, ma la cosa importante è che saprai di aver trovato la directory giusta se questa contiene le cartelle wp-admin, wp-content e wp-includes.

la cartella public_html selezionata in blu
5. Scarica i file del sito dalla directory root

Seleziona tutti i file e le cartelle nella directory root del sito. 

tutti gli elementi selezionati in public_html

Fai clic con il tasto destro e seleziona Scarica. Puoi anche selezionare tutti i file e le cartelle, fare clic e trascinarli nella finestra della cartella aperta sul lato sinistro della schermata.

Pulsante Scarica sotto l'elenco dei file

I tuoi file verranno ora scaricati sulla tua macchina in locale. Assicurati di caricarli nell’archivio cloud, come Google Drive o DropBox, e di salvare un’altra copia su un disco fisso esterno.

Non dimenticare. Con questo processo vengono eseguiti solamente backup dei file del sito. NON viene eseguito il backup del database. Avrai bisogno anche di eseguire il backup del database, che puoi fare tramite phpMyAdmin o SSH.

Logo phpMyAdmin

Creazione di un backup del database di WordPress con phpMyAdmin

phpMyAdmin è un software online usato per l’amministrazione dei database MySQL e MariaDB (i tipi di database usati da WordPress). Dispone di una GUI che consente di navigare e gestire il database più facilmente rispetto a provare a fare tutto dalla riga di comando.  

Può ancora essere un po’ spaventoso curiosare nel tuo database se non sai cosa stai facendo. Fortunatamente, esportare un backup dal tuo database in phpMyAdmin è piuttosto semplice.

1. Accedi a cPanel o al portale di WordPress gestito nel tuo account del fornitore di hosting

Se ti trovi in cPanel, visualizzerai phpMyAdmin elencato in Database. Se stai usando un fornitore di hosting WordPress gestito, dovrebbe essere presente un link a phpMyAdmin nel tuo portale. Se non riesci a trovarlo, contatta il tuo fornitore di hosting o cerca nella documentazione per assistenza.

2. Fai clic sull’icona di phpMyAdmin per lanciare la finestra di phpMyAdmin nel browser
icona di phpMyAdmin in cpanel
3. Seleziona il tuo database

Se il nome del database non è già selezionato, fai clic sul database che desideri esportare. Una volta selezionato il database, visualizzerai un elenco di tutte le tabelle incluse. 

database selezionato in phpMyAdmin
3. Fai clic sulla scheda Esporta
Scheda Esporta in phpMyAdmin
4. Seleziona il metodo di esportazione e il formato

Puoi selezionare tra un’esportazione Rapida o Personalizzata. L’esportazione Rapida esporterà l’intero database. Se devi rivedere le tabelle da esportare ed escluderne alcune, seleziona l’opzione di esportazione Personalizzata

tabella con opzioni di esportazione

Metodo di esportazione Rapida selezionato.

opzione di esportazione personalizzata selezionato

Esportazione Personalizzata selezionata, escludendo le tabelle wp_comments e wp_commentmeta

phpMyAdmin dovrebbe mostrare le opzioni di output del database come “SQL” per impostazione predefinita. Se per qualsiasi ragione è selezionato “testo” o qualsiasi altra opzione, passa a “SQL”.

5. Fai clic su “Vai”

Fatto! phpMyAdmin esporterà il database come file ZIP o GZIP e ti chiederà di scaricarlo sul computer per usarlo come backup del database. 

Logo SSH

Creazione di un backup del sito usando SSH

SSH (Secure Shell o Secure Socket Shell) è un protocollo di rete che fornisce accesso sicuro da un computer a un altro in una rete non sicura. Mac OS e Linux includono SSH client Terminal. Windows 10 include l’opzione client SSH, ma questa non è installata in automatico e deve essere scaricata e attivata separatamente. Le altre versioni di Windows non includono un client SSH, quindi dovrai scaricarne uno da una terza parte, come PuTTY.  

La maggior parte dei client SSH non dispone di una GUI e fa affidamento a comandi basati su testo per connettersi ed eseguire funzioni come caricamenti, download, eliminazioni, modifiche ai nomi dei file e molto altro su un fornitore di hosting remoto. Diversamente da SFTP, puoi eseguire il backup per i file del sito e per il database usando SSH. Ecco come fare.

1. Trova o crea credenziali SSH nel pannello di controllo del fornitore di hosting. 

La posizione delle tue credenziali SSH e il modo esatto in cui le genererai, se non esistono già, possono variare a seconda del fornitore di hosting, quindi se non sei sicuro di dove trovarle, contatta il fornitore o cerca nelle sue Domande frequenti per ricevere assistenza.

A volte le tue credenziali SSH e SFTP sono le stesse, quindi controlla nell’area delle impostazioni dell’FTP per vedere se questo è il caso.

Avrai bisogno delle seguenti informazioni:

  • Indirizzo IP del fornitore di hosting
  • Nome utente
  • Password
  • Numero della porta

Puoi anche dover generare una chiave SSH, a seconda dei requisiti del fornitore di hosting. Ad esempio, utilizzeremo solamente nome del fornitore di hosting, nome utente, password e numero di porta.

2. Trova la tua applicazione SSH e aprila.

Su Mac OS, vai su ApplicazioniUtilityTerminale. Su Linux, puoi premere CTL + ALT + T. Se stai usando Windows, userai qualsiasi client SSH tu abbia installato. 

riga di apertura in SSH
3. Digita questo comando: ssh  username@remotehost  -p 2222

Sostituisci “username” con il nome utente, “remotehost” con l’indirizzo IP del fornitore di hosting e “2222” con la porta del tuo fornitore di hosting, quindi premi Invio

informazioni del server inserite in SSH

Se questa è la prima volta che ti connetti al server, ti verrà chiesto se desideri continuare con la connessione. Digita “Sì” e premi Invio. Riceverai un avviso relativo all’aggiunta in modo permanente dell’indirizzo IP del server all’elenco dei fornitori di hosting noti. Non visualizzerai più questo messaggio se ti connetti dallo stesso computer. 

opzione per continuare a connettersi al fornitore di hosting

4. Digita la password e premi Invio. 

Ti verrà richiesta la password. Copiala e incollala nel prompt dei comandi. Non vedrai la password o qualsiasi altro feedback mostrato. Questo è normale. Premi Invio.

richiesta di inserimento della password

Sei connesso al server remoto: è ora di eseguire il backup del tuo sito.

5. Digitar quanto segue al prompt dei comandi:  cd ~
riga di comando aggiunta a SSH
6. Digita questo comando per eseguire un backup dei file del tuo sito: tar   -zcf    backup.tar.gz    directory_name

Sostituisci “directory_name” con il nome della directory di cui desideri eseguire il backup. Questa dovrebbe essere la directory in cui si trovano le cartelle di WordPress wp-admin, wp-content ewp-config . Se la directory principale del tuo sito è “public_html”, il tuo comando sarà simile al seguente:

tar   -zcf    backup.tar.gz    public_html

riga immessa per eseguire il backup di un sito in SSH

Il tuo backup è completo ma è ancora sul tuo server. Dovrai scaricarlo dal server in modo da poter conservare il backup archiviato in modo sicuro fuori dal sito.

7. Scarica il backup dei file del tuo sito.

Digita quanto segue al prompt dei comandi: 

scp -p 2222 username@remotehost:/directory_name/backup.tar.gz  directory_name

Sostituisci “2222” con il tuo numero di porta, “username” con il tuo nome utente, “remotehost” con l’indirizzo IP del tuo server, “directory_name” con il nome della directory in cui si trovano i file del tuo sito e “directory_name” con la directory sul tuo computer su cui vuoi scaricare il backup. Quindi premi Invio.

riga in SSH per scaricare un backup

I tuoi file dovrebbero ora essere scaricati dal tuo server al tuo computer.

8. Scarica il database.

Oh, pensavi di aver finito? No. Devi ancora scaricare il tuo database. Avrai bisogno delle seguenti informazioni:

Nome utente database. Questo è differente dal nome utente di SFTP e SSH ed è assegnato solo al tuo database.

Nome database. Il nome del database.

Password. La password del database, che dovrebbe essere diversa dalla password di SFTP o SSH.

Puoi trovare queste informazioni nell’account del tuo fornitore di hosting. Se hai problemi a trovarle, contatta il tuo fornitore di hosting per assistenza o sfoglia la sua documentazione della guida. 

Se sei ancora connesso al tuo server tramite SSH dopo aver scaricato i file del tuo sito, inserirai il seguente comando nel prompt:

mysqldump -u USERNAME -p DATABASE > database_backup.sql

Sostituisci “username” con il nome utente del tuo database e “database” con il nome del tuo database.

comando iniziale per eseguire il backup di un database

Ti verrà quindi richiesto di inserire la password del database. Digita la tua password e premi Invio.

Il tuo database verrà esportato come “database_backup.sql” nella directory corrente. Per scaricarlo sul tuo computer locale, inserisci il seguente comando:

scp -p 2222 username@remotehost:/directory_name/database_backup.sql  /directory_name

Sostituisci “2222” con il tuo numero di porta, “username” con il tuo nome utente, “remotehost” con l’indirizzo IP del tuo server, “directory_name” con il nome della directory in cui si trovano i file del tuo sito e “/local/dir” con la directory sul tuo computer su cui vuoi scaricare il database. Quindi premi Invio.

comando per scaricare il database
9. Elimina i backup dal tuo server (opzionale)

Tieni presente che i backup che hai eseguito sono ancora sul tuo server. Se non vuoi tenerli lì, puoi rimuoverli usando i seguenti comandi:

File del sito:

rm  database_backup.sql

Database:

rm  database_backup.sql

Logo Jetpack

3. Plugin di backup

Esistono numerosi plugin che ti consentono di eseguire il backup del tuo sito WordPress su richiesta o a orari programmati. Tuttavia, alcuni di questi plugin prevedono una configurazione complicata o archiviano i backup sul tuo server, il che può appesantire il tuo sito e causare tempi di caricamento lenti. Jetpack Backup è un’opzione eccellente per backup WordPress automatici senza problemi che non impantanano il tuo sito.

I vantaggi di Jetpack Backup includono:

  • Semplicità di configurazione. Basta installare Jetpack, acquistare un piano di backup e il gioco è fatto. 
  • Backup in tempo reale. Molti plugin di backup offrono solo backup giornalieri. Se, però, modifichi regolarmente il tuo sito o gestisci un negozio online, i backup in tempo reale possono essere fondamentali per prevenire la perdita di dati. Jetpack salva una copia del tuo sito web ogni volta che viene apportata una modifica importante. 
  • Archiviazione fuori sito L’archiviazione dei backup sul tuo server può rallentare il sito web. Peggio ancora, se il tuo server diventa inattivo, non sarai affatto in grado di accedere ai tuoi backup. Oppure potrebbero essere compromessi in caso di attacco. Jetpack archivia in modo sicuro i tuoi backup fuori sito, in modo da potervi sempre accedere, indipendentemente dal fatto che tu possa accedere o meno al tuo sito. 
  • Migrazione semplice. Jetpack Backup è anche un plugin di migrazione. Migra facilmente il tuo sito su qualsiasi fornitore di hosting senza la necessità di installare plugin aggiuntivi o assumere uno sviluppatore.
  • Download manuali. Sebbene Jetpack archivi i tuoi backup sui server, puoi anche scaricarli sul tuo disco rigido e caricarli su piattaforme di archiviazione cloud come Google Drive, Dropbox o Amazon S3: una piccola ridondanza non è superflua quando si tratta di backup, finché si ha lo spazio di archiviazione.
  • Nessun limite alle dimensioni o alle frequenze di backup. Molti plugin di backup limitano le dimensioni dei tuoi backup o la frequenza con cui è possibile salvare il tuo sito. Non Jetpack. Esegui facilmente il backup di un sito web di grandi dimensioni tutte le volte che vuoi.
  • Supporto clienti di livello superiore. Il team di Jetpack è composto da esperti di WordPress. Stai certo che il tuo sito web e i backup sono in buone mani.

Quale metodo di backup manuale è il migliore?

Eseguire il backup di WordPress tramite cPanel è il modo più semplice per effettuare un backup manuale, ma non tutti i fornitori di hosting web utilizzano cPanel. Se non hai accesso a cPanel tramite il tuo fornitore di hosting, la soluzione migliore per un backup manuale relativamente indolore sarebbe scaricare tutti i file del tuo sito utilizzando SFTP ed eseguire il backup del database tramite phpMyAdmin.

Rendere il backup del tuo sito una priorità

Indipendentemente dal metodo scelto o dalla frequenza della pianificazione, rendi i backup una priorità. Non rischiare il duro lavoro e i dati importanti rimandando questo aspetto della gestione del tuo sito. Se stai rimandando i backup perché ti sembra un lavoro ingrato, Jetpack Backup rende il processo facile e indolore. Mantieni i tuoi dati al sicuro in meno tempo di quello necessario per inviare un ticket al team di supporto tecnico del tuo fornitore di hosting. A lungo termine, risparmierai denaro, tempo e mal di testa per recuperare i file, nel caso in cui qualcosa vada storto.

Domande frequenti sul backup di WordPress

Con quale frequenza devo eseguire il backup del mio sito WordPress?

La risposta breve è: regolarmente. A seconda della frequenza con cui il tuo sito viene aggiornato con nuovi contenuti, però, potresti voler eseguire il backup mensilmente, settimanalmente, quotidianamente o in tempo reale. Un sito web statico che non viene aggiornato con nuovi contenuti molto spesso potrebbe richiedere solo backup giornalieri. Un sito di eCommerce occupato, d’altra parte, potrebbe aver bisogno di backup in tempo reale per ridurre al minimo la perdita di dati sui clienti o sui prodotti.

Dove devo archiviare i miei backup di WordPress?

Mantieni i tuoi backup fuori sito e in almeno due posti, preferibilmente tre. Se tieni i tuoi backup sul tuo server, può seriamente rallentare il tuo sito web. Ogni backup è una duplicazione completa di tutto il contenuto del tuo sito, quindi se tieni un mese di backup giornalieri sul tuo server, è come tenere 30 siti web completi che occupano spazio. Accidenti! Inoltre, se il tuo server diventa inattivo, potresti perdere l’accesso a tutti i tuoi backup, il che vanifica lo scopo di crearli come prima cosa, giusto?

Jetpack Backup tieni i tuoi backup fuori sito sui server di WordPress.com e puoi scaricare periodicamente gli archivi del tuo sito sul tuo computer locale. Da lì, puoi copiarli su un disco fisso esterno e caricarne un’altra copia su un servizio di archiviazione cloud come Google Drive, Amazon S3 o Dropbox.

Anche se non è necessario fare affidamento sulla tua società di hosting per i backup, non fa male scegliere un piano che includa almeno 30 giorni di backup giornalieri. Oltre al tuo impegno, questo dovrebbe assicurarti di avere migliori possibilità di ripristinare il tuo sito.

Come faccio a sapere che non ho perso nessun file durante l’esecuzione di un backup manuale del mio sito WordPress?

Finché hai eseguito il backup del database e dell’intera directory del sito sul tuo fornitore di hosting web, puoi essere abbastanza sicuro di aver eseguito il backup di tutto ciò di cui hai bisogno. Tuttavia, con i backup manuali, potresti non ricevere alcun messaggio di errore se una risorsa non viene scaricata o viene danneggiata durante il processo. Quindi, c’è sempre la possibilità che nel tuo backup manchi un file o che possa includere un file danneggiato.

Quando esegui manualmente il backup di tutti i file del tuo sito, dovresti scaricare l’intero contenuto della cartella root del tuo sito. 

Se non sei sicuro di quale cartella sul tuo server sia la cartella root del tuo sito, è quella che di solito viene chiamata html o public_html, ma potrebbe avere un altro nome. Puoi chiedere al tuo fornitore di hosting o fare clic nella directory dei file finché non trovi la cartella che contiene wp-admin, wp-content e wp-includes: è la tua cartella root. 

Se ospiti uno qualsiasi dei contenuti del tuo sito, come immagini o video, su un altro server, assicurati di eseguire backup anche di quelli.

Se vuoi essere certo che il tuo backup abbia funzionato, puoi installarlo su un sito di gestione temporanea e testarlo per assicurarti che sia tutto presente e che il backup del sito funzioni correttamente.

Quanti backup devo conservare?

Se hai un sito web con molti contenuti dinamici, dovresti conservare almeno un anno di backup. Se il tuo sito è abbastanza statico, potresti stare tranquillo tenendo un valore di 30-90 giorni.  

Il numero di backup che conservi dipende in realtà solo da quanto pensi sia probabile che tu abbia bisogno di accedere ai dati da una certa data o a che punto ritieni che il contenuto non valga la pena trattenerti. Inoltre, potresti essere soggetto a requisiti legali che impongono che i dati del sito web debbano essere conservati per un certo numero di giorni o anni o distrutti dopo un periodo specifico. 

Cosa rende il backup di WordPress con un plugin migliore del manuale?

L’utilizzo di un plugin per il backup del tuo sito è più semplice, più sicuro e ti fa risparmiare tempo. Automatizzando i tuoi backup con un plugin come Jetpack, puoi concentrarti su design, funzionalità, contenuto o marketing. O magari rilassarti e fare una bella passeggiata. 

Questa voce è stata pubblicata in Sicurezza. Contrassegna il permalink.

Rob Pugh profile
Rob Pugh

Rob is the Marketing Lead for Jetpack. He has worked in marketing and product development for more than 15 years, primarily at Jetpack, Mailchimp, and UPS. Since receiving a Master of Science in Marketing Degree from Johns Hopkins University, he’s focused on delivering products that delight people and solve real problems.

Esplora i vantaggio di Jetpack

Scopri come Jetpack può aiutarti a proteggere, velocizzare e far crescere il tuo sito WordPress.

Sconto del 20 per il primo anno.

Confronta i piani

Hai una domanda?

I commenti sono chiusi per questo articolo, ma siamo ancora qui per aiutarti. Visita il forum di supporto e saremo felici di rispondere a qualsiasi domanda.

Visualizza il forum di supporto
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per seguire questo blog e ricevere notizie e aggiornamenti da Jetpack.

    Unisciti ad altri 61 follower
  • Naviga per argomento